Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

giovedì 28 febbraio 2013

IN ONORE DI MARIA

Inviolato fiore, purissima Vergine,
porta lucente del cielo,
madre di Cristo amata,
signora piissima,
odi quest’inno di lode.
Casta la vita scorra,
sia limpido l’animo:
così t’implorano i cuori.
Per la tua dolce supplica
a noi colpevoli
scenda il perdono di Dio,
Vergine tutto santa,
regina bellissima,
inviolato fiore.

Preghiera da recitare ogni giorno

SIGNORE GESÙ CRISTO,
FIGLIO DEL PADRE,
MANDA ORA IL TUO SPIRITO
SULLA TERRA.
FA’ ABITARE LO SPIRITO SANTO
NEI CUORI DI TUTTI I POPOLI,
AFFINCHÉ SIANO PRESERVATI
DALLA CORRUZIONE, DALLE CALAMITÀ
E DALLA GUERRA.
CHE LA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI,
LA BEATA VERGINE MARIA,
SIA LA NOSTRA AVVOCATA.
AMEN

mercoledì 27 febbraio 2013

O SIGNORE, FA’ DI ME…

O Signore, fadi me
uno strumento  della tua pace.
Dov'è odio, fa che io porti l’amore.
Dov'è offesa, che io porti il perdono.
Dov'è discordia, che io porti l’unione.
Dov'è dubbio, che io porti la fede.
Dov'è errore, che io porti la verità.
Dov'è disperazione, che io porti la speranza.
Dov'è tristezza, che io porti la gioia.
Dove sono le tenebre, che io porti la luce.
O Signore, fache io
non cerchi tanto di essere consolato,
quanto di consolare;
di essere compreso, quanto di comprendere;
di essere amato, quanto di amare.
Poiché donando, si riceve;
perdonando, si è perdonati;
morendo, si risuscita a vita eterna.
Amen.

Formula per ottenere la salvezza eterna

La nostra Mamma ha le mani legate, senza il nostro "SI", Ella non può aiutarci, avendo, il Buon Dio, lasciato libero ogni essere umano di decidere della propria vita  senza costrizioni o imposizioni: Maria ci indica la Via per ottenere la salvezza eterna, sta a noi seguirla! Ma qual è questa via?

CONFESSIONE E COMUNIONE, se possibile ogni giorno, o almeno una volta alla settimana santificando, così, il Giorno del Signore;

RECITA DEL SANTO ROSARIO ogni giorno, possibilmente in comunione fraterna (ma anche da soli, se non è possibile altrimenti), affidandoci così alla protezione della nostra MAMMA CELESTE;

AMORE: dare tutto l'amore possibile a tutti: fratelli, sorelle, amici, nemici (soprattutto), eseguire ogni nostro compito con amore e con buona volontà (non a forza e controvoglia); se riusciremo a dare sempre più AMORE, avremo scoperto la VIA DELLA SALVEZZA! Semplice, no?

martedì 26 febbraio 2013

Poesia: A DIO …

O Dio, nell'ora dell’alba il Tuo amore si fonde con il mio respiro. Quando mi allontano per discutere con gli amici io parlo di Te. Quando, nella tristezza o nella gioia, mi ricordo di Te, sei Tu che nel mio cuore unisci i miei pensieri. Quando io volevo dissetarmi per placare la mia sete, nel fondo del bicchiere vedevo la Tua ombra. Se io potessi venire a Te, Ti raggiungerei strisciando sul mio volto o camminando sul mio corpo. 

Signore Gesù, Pane degli Angeli

Gesù, Pane degli angeli, cibo degli eletti,
nostro pane quotidiano,
più di ogni altro nutriente e fragrante di dolcezza.
Di te, che gli angeli contemplano.
abbia sempre fame e si nutra l'anima mia.
Il mio cuore abbia sempre sete di te,
o mio Dio, sorgente di vita,
fonte di sapienza e di scienza,
origine d'eterna luce,
inesauribile torrente di delizie,
tesoro della casa di Dio.
Te sempre desideri il mio cuore,
te cerchi, te aneli, te trovi,
a te giunga, te mediti,
di te parli, tutto operi a gloria tua,
con umiltà e discrezione, con amore e piacere,
con spontaneità e costanza.
Tu solo sii sempre la mia speranza,
mia unica gioia e mia pace,
tu mio riposo e mia serenità,
tu mio rifugio e aiuto,
tu mia eredità, mio bene e mio tesoro;
in te sempre siano, fissi, sicuri
e fermamente radicati
il mio cuore e la mia mente.

lunedì 25 febbraio 2013

Lettera di un sacerdote indirizzata al sito della Madonna Miracolosa

VI RIPORTO UNA LETTERA CHE PADRE GIUSEPPE DI ROMA SCRIVE:
Carissimo Sign. Filippo, inizio col presentarmi facendole sapere che sono un sacerdote di Roma; il mio nome è Giuseppe ed esercito quest’ordine da più di diciotto anni. Volevo complimentarmi con lei per aver creato questo sito, ormai diventato conosciutissimo grazie alla sua costanza e alla sua fede. Non voglio dilungarmi a lungo con i complimenti anche perché non penso ne abbia bisogno visto i grandi risultati ottenuti. Ho letto varie testimonianze di fede; gente che prega e si confida con la Vergine Maria, gente che ha trovato pace e sollievo, gente che ha ricevuto quella tanto attesa e desiderata grazia. Com'è bello vedere tantissima gente pregare e confortarsi a vicenda, ancora più bello è avere la consapevolezza di entrare in questo sito, mettere da parte anche solo per un attimo tutto quello che di materiale possediamo e di dedicarci completamente a Nostro Signore Gesù. Ho letto la storia completa di questa Madonnina Miracolosa e devo ammettere che sono rimasto senza parole e pieno di gioia. Delle volte è il Signore stesso che ci impone fermamente una strada da seguire, quella strada che noi stessi da soli non sappiamo percorrere, quella strada che sicuramente senza sapere i mezzi necessari ci porterà a Lui.  In questo caso è stato il Signore stesso a servirsi di lei Sign  Filippo, facendo entrare nella sua vita questa Madonnina per poi essere pregata da tutto il resto del mondo. Le vie del Signore sono veramente infinite è questa è la prova lampante che i segni divini, grazie alla fede, esistono. Visto le numerose richieste da parte di tanti fedeli, sarei veramente felice di accogliere questa statua miracolosa della Madonna nella mia chiesa e soprattutto nella capitale d’Italia in modo da poter essere visitata non solo virtualmente. Resto a sua completa disposizione.
Padre Giuseppe.

Perché la Madonna appare sempre più spesso e in tanti luoghi?

Nell'istante stesso in cui puniva l'umanità' disobbediente, cacciando dal "Paradiso Terrestre" Adamo ed Eva, DIO PADRE, nella Sua infinita misericordia, formulava un progetto divino per salvare la stessa umanità che Egli aveva creato con Infinito Amore e che ora si trovava costretto, Suo malgrado, a punire lasciandola in balia di se stessa e libera di scegliere la strada da seguire: la Via del Bene o la Via del Male! Il Progetto divino è rivelato dalle stesse scritture, quando cacciando Adamo ed Eva Dio si rivolge al serpente preannunciandogli che avrebbe posto inimicizia tra lui e la DONNA, rivelando in queste parole già tutto il Piano divino: DIO avrebbe donato all'umanità la Sua Creatura più bella, la più pura, la più docile, la più sublime: Maria! A Lei avrebbe affidato il compito di salvare gli uomini di buona volontà, a Lei il compito di riconoscere il nemico e sconfiggerlo, poiché egli avrebbe temuto il Suo sguardo, già sapeva il Buon DIO quanto sarebbe stato subdolo e perfido il nemico, come avrebbe circuito gli uomini ignari e sprovveduti di fronte alla sua astuzia: Maria no, Ella sarebbe stata in grado di riconoscere ogni subdola trama del nemico proprio grazie al Suo Candore, a Lei, quindi, e solo a Lei Dio avrebbe potuto affidare un compito così importante: difendere l'umanità, strappandola dagli artigli della bestia e riconducendola a Lui santificata e purificata, degna di riprendere, quindi, possesso del REGNO DI PACE, che gli era stato sottratto per colpa del peccato originale! E Lei, la diletta del Padre, obbedisce: accetta di essere strumento nelle mani di Dio, si mette al Suo servizio! Lei, l'umile Serva, ancora fanciulla immacolata e pura, risponde al Padre: Sia fatta la Tua volontà! Da quel momento Maria si abbandona completamente nelle mani del Padre, ignorando il Suo doloroso futuro; da quel momento Maria comincia ad assolvere il Suo compito: salvare l'umanità! Ella, infatti, partorisce il Figlio Divino, che, facendo anch'Egli parte del progetto di Dio, porterà agli uomini la "BUONA NOVELLA" riaccendendo nei loro cuori la speranza di una nuova possibilità di salvezza! Gesù stesso avrà il compito di istruire gli uomini a vivere secondo la volontà del Padre Suo, ed alla fine sarà immolato quale Sacrificio Perfetto, l'unico, ormai, in grado di riparare l'offesa fatta a Dio; ed in un ultimo ed estremo atto di amore, Egli oltre alla Sua vita dona agli uomini SUA MADRE!  La dichiara infatti Madre di tutta l'umanità, ben sapendo quanto sarebbe stato arduo e doloroso tale incarico! Ma Maria ancora una volta accetta la volontà di Dio ed accoglie gli uomini con tutto il Suo immenso Amore di MAMMA. Da quel momento la nostra Mamma non ha smesso un istante di vegliarci, di difenderci, di guidarci sulla retta via, di salvaguardarci dagli attacchi del maligno. Dopo la Sua Assunzione ai Cieli, ha incominciato ad apparire agli uomini (con una frequenza sempre maggiore nel trascorrere dei secoli) invitandoli alla preghiera e ad accostarsi sempre ai Sacramenti, esortandoli a non allontanarsi dalla retta via ed a temere il Signore. A parte le più famose apparizioni: Lourdes e Fatima, sono molteplici i luoghi in cui si è manifestata a noi poveri mortali: Unico Suo scopo: radunare i suoi figli per salvarli! Ella, nelle varie apparizioni, ha richiamato a Sè milioni di fedeli, che, convertitisi, hanno condotto a Lei altri figli, aumentando, così, il beneficio delle Sue apparizioni.  Nel corso dei secoli, la nostra Mamma Celeste, si è mostrata a noi sempre più spesso con un unico grande scopo: preparare gli uomini al RITORNO DI SUO FIGLIO GESÙ  ED ALL'AVVENTO DEL REGNO DI PACE!  Solo quando Gesù avrà preso possesso del Regno, Dio completerà l'Antico Progetto di salvezza dell'umanità, e sarà stato possibile solo grazie ad un Umile Fanciulla, che non ebbe timore di rispondere SI al Padre che le affidava un così arduo compito!  Ella continua ad apparire agli uomini sempre più spesso, mettendoli ben in guardia contro le lusinghe del maligno ed invitandoli ad una subitanea conversione dei cuori, poiché, ormai, manca poco tempo al Compimento dell'Era di Pace!  Ella nelle Sue ultime apparizioni ci  ripete che ormai c'è poco tempo, dobbiamo affrettarci alla vera conversione poiché tra poco Gesù tornerà sulla terra per costituire il NUOVO REGNO DI PACE nella NUOVA GERUSALEMME! Se leggessimo attentamente le Sacre Scritture, ci accorgeremmo che i tempi prestabiliti da Dio, sono i nostri giorni! Parlando agli Apostoli sulla Parusia,  Gesù dà ampi riferimenti a tutto ciò che sarebbe accaduto prima del suo ritorno, ed anche il Santo Padre  fa sempre più spesso riferimenti al ritorno di Gesù, anzi, benché in età avanzata, stanco ed ammalato, sta instancabilmente girando il mondo per annunciare all'umanità intera la Buona Novella. Egli si è affidato completamente all'amore della nostra MAMMA CELESTE che lo sta guidando per mano lungo i sentieri bui e tortuosi della terra, ma ormai tutto è pronto, ed all'improvviso vedremo apparire nel cielo quel segno che ci annuncerà il ritorno di Gesù, ultima occasione di conversione per l'umanità, dopo di che LUI tornerà e non ci sarà neanche il tempo per dire: SIGNORE, PIETÀ ! Ma quando Gesù tornerà, Maria quante anime sarà riuscita a radunare? Speriamo, tantissime, se non addirittura tutte; Ella continua ad apparire nei più remoti angoli della terra per radunare tutti i suoi Figli e condurli così nella NUOVA GERUSALEMME che scenderà nel Luogo prescelto da Gesù per il Suo ritorno (come più volte annunciato nei Vari messaggi affidati ai carismatici). E solo allora, quando cioè Maria sarà riuscita a richiamare tutti i Suoi figli, e ad accompagnarli all'incontro con Gesù Vittorioso che verrà a riprendere nella Gloria il possesso del Suo Regno, Ella avrà completato il suo compito di PONTE TRA DIO E L'UOMO e potrà abbracciare raggiante di gioia e sfolgorante di Gloria tutti i figli che a LEI si saranno affidati!

Preghiera per chi ha peccato

"Peccatore" è una parola che oggigiorno diventa un rimprovero offensivo. – o meglio dovrebbe essere. Sfortunatamente ci difendiamo velocemente con parole come, “Non sono peccatore! Non vado peccando! Non ho mai ucciso qualcuno o fatto qualcosa di simile!” Il fatto è che non sappiamo veramente il significato della parola peccato. Pensiamo che riguardino a azioni spregevoli che respingono‘ gli uomini di chiesa’, che ci addossano le grandi lettere scarlatte sul nostro collo. In realtà il peccato significa semplicemente perdere il cammino, non raggiungere la meta. Infatti, tutti noi siamo peccatori, perché nessuno, salvo Cristo, ha vissuto una vita che in qualche modo possa aver seguito la perfezione che Dio richiede. Tutti siamo degni di pagare la colpa del peccato e quindi passare l’eternità nell'inferno.

La Preghiera del Peccatore
“Padre, so di aver violato le tue leggi e il mio peccato mi ha separato da te. Mi pento veramente, e ora voglio abbandonare la vita passata per dirigermi a te. Credo che tuo figlio, Gesù Cristo morì per i miei peccati, risorse dalla morte, vive e sente la mia preghiera. Ti invoco Gesù a diventare il Signore della mia vita, a governare e regnare il mio cuore da ora in avanti. Ti prego invia il tuo Spirito Santo per aiutarmi a rispettarTi, concedo il resto della mia vita alla Tua volontà. Prego nel nome di Gesù, Amen.”


domenica 24 febbraio 2013

Madonna Miracolosa concedi le Grazie a ciascuno di noi


Ricordo a tutti i fedeli, a tutti i devoti, a tutti i visitatori che potete lasciare una preghiera, una vostra richiesta di Grazia, un messaggio, una frase a questa Madonnina Miracolosa cliccando qui in basso.


LA PREGHIERA DI UN CLOCHARD

LA PREGHIERA DI UN CLOCHARD
INDIRIZZATA A NOSTRO SIGNORE.

Solo, lontano dal resto del mondo;
forse anche emarginato da tutti,
da tutti quelli che non capiscono
la vera importanza della vita.
I soldi, le comodità, le apparenze,
sono queste le cose materiali che
l’uomo di oggi è alla ricerca …
Non è sempre una scelta di vita,
la situazione in cui mi trovo,
non sempre si è capaci di realizzare
ciò in cui si crede. Sapessi quante volte
ho desiderato tutto quello che non possiedo
e che forse non potrò mai avere.
Sapessi quante sere, mi sono addormentato
con il pensiero che quella capanna inumidita,
si trasformasse in una piccola casa riscaldata.
Ho peccato; si lo so, ho peccato;
anche solo al pensiero di pensare tutto questo …
Ma io ho Te, Signore, ti porto sempre con me
insieme alla Beata Vergine Maria.. Non ho paura,
ci siete voi che guidate il mio percorso,
il mio futuro, la mia vita.
Non importa se non ho soldi, se non ho un tetto,
se non ho una famiglia che mi aspetta..
L’essenziale è averti vicino, Signore Gesù …

sabato 23 febbraio 2013

Maria prega per il nostro difficile “oggi”

O Maria, parla a tuo Figlio!
Parla al Figlio del nostro difficile "oggi",
a questo Cristo,
che siamo venuti a invitare
per tutto il nostro avvenire.
Quest'avvenire incomincia oggi,
ed esso dipende da come sarà il nostro "oggi".
O Madre, aiutaci a passare
con il Vangelo nel cuore,
attraverso il nostro difficile "oggi"
verso quell'avvenire nel quale
abbiamo invitato anche Cristo,
il Principe della Pace.
Così sia.

Santo sei tu …

Santo è Dio, Padre dell’universo.
Santo è Dio, il cui volere è 
grande come i suoi poteri.
Santo è Dio, vuole essere consolato 
ed è conosciuto da tutti i suoi.
Santo è Dio, Santo sei tu, con la tua Parola 
hai creato tutto il mondo manifesto.
Santo sei tu, la natura è la tua immagine.
Santo sei tu, non formato dalla natura.
Santo sei tu, più grande di ogni altezza.
Santo sei tu, al di sopra di ogni canto di lode.

venerdì 22 febbraio 2013

Padre, invochiamo la Tua Misericordia

Invochiamo la misericordia
di Dio onnipotente
perché ci renda capaci
non solo di ascoltare la sua parola,
ma anche di praticarla.

Egli faccia scendere
anche sulle nostre anime
il diluvio della sua acqua,
distrugga in noi ciò che sa
che deve essere distrutto,
e vivifichi ciò che stima
che deve essere vivificato,
per mezzo di Cristo nostro Signore
e del suo Santo Spirito.
A lui la gloria
per gli eterni secoli dei secoli.
Amen.

Preghiera per eleggere il nuovo Papa


Signore Gesù, Dio Padre Onnipotente,
che ti fai verbo anche per mezzo del Sommo Pontefice ;
fa’ che nella nuova elezione papale
i cardinali riuniti in conclave decidano al meglio
per  eleggere colui che con fermezza, amore,
pazienza e devozione ci guiderà alla conversione
universale per il bene delle anime.
O Signore, fa’ che l’elezione del nuovo Pontefice
sia unanime e che la scelta ricada per Tua Volontà.
ascolta benigno le nostre preghiere:
custodisci con paterna bontà
il papa che tu hai scelto per noi,
perché sotto la sua guida
il popolo cristiano,
di cui tu sei il pastore unico e  vero,
cresca  nella fede. Amen
Fa’ che nel giorno della così detta “fumata bianca”
possiamo festeggiare il Tuo nuovo Servo, il servo dei servi.

L'elezione di Papa Francesco

giovedì 21 febbraio 2013

PER TUTTE LE FAMIGLIE

Dio, dal quale proviene ogni paternità
In cielo e in terra,
Padre, che sei Amore e Vita,
fache ogni famiglia sulla terra
diventi, mediante il tuo Figlio,
Gesù Cristo e mediante lo Spirito Santo,
sorgente di divina carità,
un vero santuario della vita e dell’amore
per le generazioni che sempre si rinnovano.
Fache la tua grazia
guidi  pensieri e le opere dei coniugi
verso il bene delle loro famiglie
e di tutte le famiglie del mondo.
Fache le giovani generazioni
trovino nella famiglia un forte sostegno
per la loro umanità e la loro crescita
nella verità e nell'amore.
Fache l’amore
rafforzato dalla grazia del sacramento
del matrimonio,  si dimostri più forte
di ogni debolezza e di ogni crisi,
attraverso le quali, a volte,
passano le nostre famiglie.
Fa, infine ,te lo chiediamo per
Intercessione della sacra
Famiglia di Nazaret,
che la Chiesa in mezzo a tutte le
nazioni della terra
possa compiere fruttuosamente
la sua missione nella famiglia
e mediante la famiglia.
Per Cristo nostro Signore,
via, verità e vita,
nei secoli dei secoli.
Amen. 

IL NOME DI MARIA

L’umiltà di Maria vince la superbia del mondo, che mai avrebbe potuto scorgere o indovinare tanta magnificenza nella sposa d’un fabbro. Noi, però, serbati all’amor di Dio e degli uomini, sappiamo che il suo nome è solenne.

Poesia: IL NOME DI MARIA di ALESSANDRO MANZONI
Tacita un giorno a non so qual pendice
salìa d’un fabbro nazaren la sposa;
salìa non vista alla magion felice
d’una pregnante annosa;
e detto salve a lei, che in reverenti
accoglienze onorò l’inaspettata,
Dio lodando sclamò: Tutte le genti
mi chiameran beata.
Deh! Con che scherno udito avira i lintani
presagi allor l’età superba! Oh tardo
nostro consiglio! Oh degl’intenti umani
antiveder bugiardo!
Noi testimoni che alla tua parola
ubbidiente l’avvenir rispose,
noi serbati all’amor, nati alla scola
delle celesti cose,
noi sappiamo, o Maria, ch’Ei solo attenne
l’alta promessa che da Te s’udìa,
Ei che in cor la ti pose: a noi solenne
è il nome tuo, Maria.

mercoledì 20 febbraio 2013

La Madonna ha bisogno di essere pregata dai giovani

Maria, Madre di Gesù e della Chiesa, noi Ti raccomandiamo i nostri giovani, Tu li ami di un amore grande e puro. Per essi Tu hai parole soavi e silenziose a noi sconosciute. Tu ne scruti il cuore e la mente. Per loro Ti preghiamo, a Te li affidiamo: sono inesperti della vita e da ogni parte insidiati. Vivono in ambienti malsani e la corruzione li assale. Maria, Madre Immacolata dei giovani,  non abbandonarli nell' ora della prova. Fa' che credano, perché la vita senza fede è notte disperata. Fa' che siano puri, perché senza purezza non c' è amore, ma soltanto egoismo di sensi. Fa' che essi siano forti e illuminati da gioia perfetta, perché la vita è bella quando sa attingere alle sorgenti della grazia divina. Fa' che essi siano onesti e laboriosi, sani di mente e di cuore. Maria, vedi le lacrime di tante mamme preoccupate per l' avvenire dei figli. Esse per i loro figli siano esempio di vita, guide sicure nelle difficoltà. Rendi efficaci le loro parole, da' forza alla loro azione, ascolta le loro preghiere. Consola le pene segrete e le incessanti ansie. Nel cuore di tanti generosi giovani suscita ideali di perfezione e di santità. Una gioventù forte nella fede e nella purezza affretti la nuova radiosa primavera della Chiesa di Cristo. In questa meravigliosa rinascita, Tu, o Maria, sarai per noi guida sicura e maestra.Amen.

Padre, vieni in mio aiuto

O Dio, abbi pietà di me, peccatore,
che non ho fatto niente di bene
davanti a te.

Liberami dal maligno
e rendimi degno di aprire,
senza timore di condanna,
la mia bocca indegna
a celebrare il tuo Nome tutto santo
Padre, Figlio e Spirito Santo.

O Signore,
che scruti il cuore e i sentimenti, perdonami
ogni sconveniente impeto del cuore.

Tu sai, o Signore di tutte le cose,
che essi sono contro la mia volontà.

Sono indegno di accostarmi a te,
ma tu perdonami,
perché ti ho sempre desiderato
e ancora ti desidero...

Tu, che solo sei buono e misericordioso,
vieni in mio aiuto e salvami...

Ti prego, o Signore amico degli uomini,
benevolente, non detestare me,
tuo servo peccatore e inutile,
per l’intercessione dell’immacolata Vergine,
Signora nostra e madre di Dio,
e per le preghiere di tutti i santi.

martedì 19 febbraio 2013

O GESU’, VIVENTE IN MARIA

O Gesù, vivente in Maria
vieni e vivi in noi tuoi servi:
nello spirito della tua santità,
nella pienezza delle tue virtù,
nella verità delle tue vie,
nella comunione dei tuoi misteri;
soggioga in noi ogni avversa potestà
al tuo Spirito, per la gloria del Padre. Amen.

PREGHIERA PER LA QUARESIMA

Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia;
nel tuo grande amore cancella il mio peccato.
Lavami da tutte le mie colpe,  
mondami dal mio peccato.
Riconosco la mia colpa,  
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto;
perciò sei giusto quando parli,
retto nel tuo giudizio.
Ecco, nella colpa sono stato generato,
nel peccato mi ha concepito mia madre.
Ma tu vuoi la sincerità del cuore
nell'intimo m’insegni la sapienza.
Purificami con issopo e sarò mondato;
lavami e sarò più bianco della neve.
Fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa che hai spezzato.
Distogli lo sguardo dai miei peccati,
cancella tutte le mie colpe.
Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.
Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso.
Insegnerò agli erranti le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.
Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza,
la mia lingua esalterà la tua giustizia.
Signore, apri le mie labbra  
e la mia bocca proclami la tua lode;
poiché non gradisci il sacrificio
e, se offro olocausti, non li accetti.
Uno spirito contrito  
è sacrificio a Dio,
un cuore affranto e umiliato,  
tu, o Dio, non disprezzi.
Nel tuo amore fa grazia a Sion,
rialza le mura di Gerusalemme.
Allora gradirai i sacrifici prescritti,
l’olocausto e l’intera oblazione,
allora immoleranno vittime
sopra il tuo altare.
Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre,
nei secoli dei secoli. Amen.

lunedì 18 febbraio 2013

Preghiera per i NON cristiani

Dio onnipotente ed eterno,
ai nostri fratelli che camminano
alla tua presenza in sincerità di cuore,
ma non conoscono Cristo,
concedi di trovare la verità;
e a noi dono di crescere
nella carità reciproca
e di vivere più profondamente
il tuo mistero di salvezza
per essere nel mondo testimoni più credibili
del tuo amore paterno. Amen.

VIENI SANTO SPIRITO

Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.
Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.
Consolatore perfetto,
ospite dolce dell’anima,
dolcissimo sollievo.
Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.
O luce beatissima,
invadi nell'intimoil 
cuore dei tuoi fedeli.
Senza la tua forza,
nulla è nell'uomo,
nulla senza colpa.
Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina.
Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò ch'è sviato.
Dona ai tuoi fedeli,
che solo in te confidano,
i tuoi santi doni.
Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.
Amen.

I FIGLI: IL LEGAME DI SANGUE PIU’ INDISSOLUBILE

O Signore, Padre onnipotente,
ti ringraziamo per averci dato
dei figli. E’ una gioia per noi
e le preoccupazioni, i timori
le fatiche che ci costano,
le accettiamo serenamente.
Aiutaci ad amarli sinceramente.
Per mezzo nostro
hai acceso la loro vita
dall’eternità tu li hai conosciuti
e amati. Dà a noi saggezza
per guidarli, pazienza per istruirli,
vigilanza per abituarli al bene
attraverso il nostro esempio.
Sorreggi il nostro amore
per riprenderli e per farli buoni.
E’ tanto difficile capirli sempre,
essere come loro ci vogliono,
aiutarli a fare il loro cammino:
insegnaci tu e aiutaci,
o Padre buono,
per i meriti di Gesù,
tuo Figlio e nostro Signore.
Amen

domenica 17 febbraio 2013

COMUNIONE SPIRITUALE

Gesù mio, io credo che
tu sei realmente presente
nel Santissimo Sacramento.
Ti amo sopra ogni cosa
e ti desidero nell'anima mia.
Poiché ora non posso
Riceverti sacramentalmente,
vieni almeno spiritualmente
nel mio cuore…(breve pausa).
Come già venuto,
io ti abbraccio
e mi unisco tutto a te.
Non permettere
che mi abbia mai 
a separare da te. Amen.

sabato 16 febbraio 2013

GLI ERRORI NELLA PREGHIERA

Uno dei più consueti errori nel modo di pregare è la superficialità, per esempio quando tramite la preghiera si chiedono cose frivole, quali la ricchezza o il successo, o quando, pur chiedendo cose buone, come la salute propria o di qualcuno, si scambia la preghiera per una bacchetta magica che intende porre Dio al servizio dei nostri desideri, quasi come se Egli non fosse il Signore, ma “il genio della lampada” a cui chiedere ciò che più piace, dimenticando che i disegni di Dio sono ben più alti e diversi dai nostri. L’apostolo Giacomo ci mette in guardia da questo atteggiamento scrivendo: “Voi chiedete e non ottenete, perché chiedete male, per soddisfare i vostri piaceri” (Gc 4,3). Un altro errore frequente è quello della presunzione, cioè pretendere di essere esauditi senza merito, o esigere grazie troppo alte, come missioni soprannaturali o doni mistici, dimenticando che non si è degni o all'altezza di riceverli. Alla madre di Giovanni e Giacomo la quale chiedeva per i suoi figli un ...posto d’onore accanto a Gesù, questi risponde: “Non sapete quello che chiedete; potete voi bere il calice che io sto per bere?” (Mt 20,20s). La presunzione può diventare perfino arroganza quando nella preghiera ci si mette davanti agli altri, come nella parabola del fariseo e del pubblicano, in cui il fariseo vantava davanti a tutti, nel tempio, i propri meriti: “O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri... Digiuno due volte alla settimana e pago la decima di quanto possiedo”. Osa perfino fare confronti con i presenti: “Non sono come questo pubblicano...”, mentre di quest’ultimo, che pregava con umiltà, Gesù dice: “Questi tornò a casa giustificato, a differenza dell’altro, perché chi si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato” (Lc 18,9s). Un altro errore indicato da Gesù è l’esibizione: “Quando pregate non siate come gli ipocriti, che amano stare ritti nelle sinagoghe o negli angoli delle piazze per farsi vedere dagli uomini. In verità vi dico che essi hanno già ricevuto la loro ricompensa” (Mt 6,5s). Oggigiorno è più facile incontrare il peccato opposto: vergognarsi di essere visti mentre si prega o si fa un segno di croce. Ma non manca chi, per raccogliere voti o consensi, si mostra alle telecamere in prima fila durante una messa, o un funerale, o un’udienza dal Papa. Gesù stesso, quando pregava, sceglieva luoghi appartati o il silenzio della notte. La preghiera esige attenzione e raccoglimento. Se questo non avviene, un altro dei pericoli è la dissipazione. Gesù diceva: “Quando preghi, entra nella tua casa, chiudi l’uscio e prega il Padre tuo che è presente nel segreto, e il Padre tuo che vede nel segreto ti ricompenserà” (Mt 6,6s). Questa concentrazione nelle cose divine non significa fare per forza il vuoto mentale, magari ricorrendo a tecniche orientali che a tutti i costi cercano di controllare il corpo, il respiro o perfino il pensiero. Non è necessario attingere dallo yoga o dal buddismo come certi cristiani che davanti a una parete bianca cercano di fare il vuoto dentro di sé. Se su quella parete c’è un crocifisso e se, più che il vuoto, si cerca la pienezza di Dio, la preghiera è più efficace perché viene realizzata non con le nostre armi, ma con quelle del Signore. Un altro pericolo è l’insicurezza, quando si prega con l’amara sensazione che Dio forse non sente o non ci considera. Gesù ci insegna ad avere fede ferma, a chiedere con fiducia: se chiediamo nella disposizione giusta e chiediamo ciò che giova al nostro vero bene, il Signore ci esaudisce. Giacomo scrive: “Se uno difetta di sapienza, la chieda a Dio, che dà con abbondanza. Chieda però con fede, senza tentennare, per non essere come un’onda sbattuta dal vento. Non pensi quel tale di ricevere qualcosa dal Signore, irresoluto e volubile com’è” (Gc 1,5s). Oltre all'atteggiamento verso Dio, è anche importante, nella preghiera, quello verso il prossimo, evitando la mancanza di carità: “Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro altri, perdonate, perché anche il Padre vostro che è nei cieli perdoni a voi i vostri peccati” (Mc 11,24s). Un altro errore diffuso è quello della verbosità. Gesù ammoniva: “Quando pregate non sprecate parole come i pagani, che credono di essere esauditi grazie alla loro loquacità. Non siate come loro perché il Padre vostro sa di che cosa avete bisogno anche prima che voi preghiate” (Mt 6,7s). Non si deve cedere alla tentazione di “voler convincere Dio”, quasi come se le grazie si ottenessero con una determinata sequenza magica di parole. Dio sa già di cosa abbiamo bisogno. Ma allora, si chiederà, perché pregare? Perché la preghiera non è l’elenco sterile di tutte le nostre necessità, ma accogliere Dio nel cuore e schiudersi al suo amore trasformante. Se però non siamo capaci di vivere così nemmeno nelle altre relazioni (nel rapporto con gli altri, nel rapporto di coppia...), soffocando con parole inutili il legame intimo ed essenziale, è difficile cambiare metodo durante la preghiera. Scrive padre Vittorio De Bernardi, grande maestro contemporaneo di spiritualità e dono prezioso dell’Ordine gesuita: “Le nostre preghiere sono il frutto del nostro livello spirituale, spesso ancora imperfetto, infantile, quindi poco chiaroveggente. Ci è difficile vedere noi stessi come ci vede Dio, e vedere a che punto Dio ci vuole portare. La preghiera è tuttavia necessaria per renderci consapevoli che in tutto dipendiamo da Dio. Inoltre la preghiera ci è necessaria per creare in noi le giuste disposizioni: se chiedo di diventare sincero, mi apro già ad un atteggiamento di sincerità, e la grazia di Dio arriva al mio cuore attraverso un canale già aperto”. Per fortuna la nostra preghiera è preceduta e portata a compimento dalla preghiera misteriosa dello Spirito Santo in noi. Dice San Paolo: “Noi non sappiamo che cosa chiedere nel modo giusto, ma lo Spirito lo implora per noi con gemiti inesprimibili, e Colui che scruta i cuori sa quale sia l’anelito dello Spirito”

venerdì 15 febbraio 2013

SANTA MARIA, MADRE DI DIO

Santa Maria, madre di Dio,
conservami un cuore di fanciullo,
puro e limpido come sorgente.
Ottienimi un cuore semplice
che non si ripieghi
sulle proprie tristezze;
un cuore generoso nel donarsi,
pieno di tenera compassione,
un cuore fedele e aperto,
che non dimentichi alcun bene,
e non serbi rancore di alcun male,
Creami un cuore dolce e umile,
che ami senza esigere di essere riamato,
contento di scomparire
in altri cuori sacrificandosi
davanti al tuo Figlio divino.
Un cuore grande e indomabile:
che nessuna ingratitudine
lo possa chiudere,
e nessuna indifferenza stancare.
Un cuore tormentato
Dalla gloria di Gesù Cristo,
ferito dal suo amore,
con piaga che non rimargini
se non in cielo, Amen.