Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

domenica 19 maggio 2013

LA SPERANZA PROCURA LA GIOIA E LA FELICITÀ

«Noi rallegriamoci nella speranza », dice San Paolo ai Romani; come se volesse dire: si contristino i mondani e i peccatori che cercano la speranza dove non si trova; ma noi che abbiamo la speranza della gloria celeste, come non staremo in gioia grande e continua? «Il Dio della speranza vi riempia dunque di ogni gioia e di ogni pace, nel credere, affinché abbondiate in speranza e nella virtù dello Spirito Santo» . La speranza è la gioia, la consolazione, la felicità dell'anima; è l'inizio della gioia eterna. «Signore, esclamava il profeta Baruch, io ho sempre sperato la salute da voi, e mi è venuta la gioia dal vostro santo» . «Si rallegrino tutti quelli che sperano in voi, o Signore, canta il Salmista; e rapiti di letizia all'ombra delle vostre ali, trovino in voi la loro gloria». «Io ho sperato nel Signore, esulterò e mi rallegrerò».  «Se la nostra speranza, dice il grande Apostolo, soltanto si estendesse a questa vita, noi saremmo i più infelici degli uomini» . Ma buon per noi, che la nostra vita è quella della città dei cieli, donde aspettiamo il Signor nostro Gesù Cristo che trasformerà l'infermo nostro corpo, rendendolo conforme al suo corpo glorioso, per la forza con cui può sottomettersi ogni cosa «Chi spera nel Signore, è felice», leggiamo nel Proverbi. Beni immensi e incomprensibili sono preparati da Dio ai servi, dice la fede: a me stanno riservati, dice la speranza; ad essi io corro, soggiunge la carità. Senza speranza non vi è quaggiù nessuna felicità, come non vi è paradiso senza carità. La speranza fa vivere nel tempo, l'amore fa vivere nell'eternità. La speranza dell'eterna beatitudine è quella che vi ci conduce; e conducendovici; la speranza forma la felicità dell'uomo sulla terra... Nella speranza è riposta tutta la felicità, tanto delle cose temporali, quanto delle spirituali... Perché l'inferno è tanto terribile? Perché non vi è la speranza; che se questa potesse entrarvi, l'inferno più non sarebbe inferno, ma paradiso. E non vi è nulla né d'incredibile né di sorprendente in ciò, che chi spera in Dio goda soavi gioie e vera felicità, perché in costui abita Dio. «Il Cristo, scrive S. Paolo, è come un figlio in casa sua; e questa casa siamo noi, se manteniamo ferma la nostra confidenza e la gloria della speranza fino alla fine»

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia commento, una frase, un parere, una riflessione a questo articolo. Scrivi ciò che pensi ...