Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

martedì 8 aprile 2014

Abbiamo una Madre che ci ama

La preghiera e l’amore per la Vergine Maria, madre di Dio e madre nostra, è una delle realtà più care ad ogni cristiano. Essa occupa un posto singolare nella storia della salvezza e nella costruzione della Chiesa. Il primo atteggiamento verso Maria è la contemplazione piena di gioia delle meraviglie che Dio ha compiuto in lei. Noi ringraziamo Dio Padre per i doni di cui l’ha ricolmata. Essa, immacolata, senza macchia di peccato fin dal primo istante della sua concezione, redenta in modo unico prima che il male la sfiorasse, ci ricorda che la salvezza è un dono gratuito dell’amore onnipotente di Dio. Nell'annunciazione  rispondendo “sì” liberamente all'Angelo del Signore, collabora con Dio alla nostra salvezza e ci dice che questa richiede la nostra risposta e la nostra partecipazione. Nella visitazione Maria porta l’annuncio del grande evento operato da Dio in lei e ci dà l’esempio della carità operosa assistendo con amore la cugina Elisabetta. Presso la croce partecipa alla sofferenza e alla morte del figlio restando fedele a lui sino in fondo e diviene madre della Grazia e della Chiesa. Assunta in cielo, ci dice che la speranza non è un’illusione. Essa è già quello che noi saremo se resteremo fedeli come lei. E’ segno per noi di sicura speranza e consolazione. La fiducia nella sua bontà ci spinge a rivolgerci a lei nelle nostre necessità: O chiunque tu sia, che nel mare di questo mondo ti senti piuttosto sballottare tra procelle e tempeste, che camminare sulla terra, non distogliere gli occhi dal fulgore di questa stella, se non vuoi essere sommerso dai flutti. Se insorgono i venti delle tentazioni, se urti negli scogli delle tribolazioni, guarda alla stella, invoca Maria. Se, turbato dal pensiero della gravità delle tue colpe, confuso dal deplorevole stato della tua coscienza, atterrito dalla severità del giudizio, tu stia per farti dominare dalla tristezza e cadere nell'abisso della disperazione, pensa a Maria. Nei pericoli, nelle angustie, nei dubbi, pensa a Maria, invoca Maria. Seguendo lei, non devierai; invocandola, non ti disperderai; pensando a lei, non peccherai; tenendoti stretto a lei, non cadrai. Se l’avrai come protettrice, non avrai di che temere; sotto la sua guida, ti sarà lieve ogni fatica; ed avendola propizia perverrai facilmente alla patria beata. (S.Bernardo)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia commento, una frase, un parere, una riflessione a questo articolo. Scrivi ciò che pensi ...