Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

giovedì 29 agosto 2013

SPOSA DELLO SPIRITO SANTO

O Maria, figlia di Dio Padre, madre di Gesù, sposa dello Spirito Santo, tempio dell'unico Dio. Ti riconosciamo nostra sorella, meraviglia dell'umanità, portatrice di Cristo nostra vita, segno di speranza e di consolazione. Immagine ideale della Chiesa, rendici un cuor solo ed un'anima sola con te, per proclamare quanto grande è il Signore e riconoscere con gioia la sua presenza nel mondo. A te, scelta da Dio per una missione unica nella storia della salvezza, consacriamo noi stessi, la nostra attività e la nostra esistenza. Poni il tuo sigillo nel profondo delle nostre persone, perché rimaniamo sempre fedeli a Dio. Riversa su di noi il tuo amore di madre, accompagnaci nel cammino della vita; sazia la nostra fame col pane della Parola e dell'Eucaristia.

martedì 27 agosto 2013

Mamma dolcissima

Piena di amore,
eccoci ai tuoi piedi
per offrire al tuo cuore tutta
la nostra vita,
consacrarti i nostri pensieri,
le nostre azioni, le nostre famiglie.
Ti scegliamo come modello
e maestra nella vita cristiana.
Vogliamo che ogni cuore
ti appartenga nell’amore costante,
fedeli alla volontà
del tuo Figlio divino,
obbedienti alla sua Chiesa.
Accresci la fede;
sorreggi la speranza
verso il cielo
per non essere vinti
dalle lusinghe e dai beni terreni,
aumenta la carità che ci unisce a Dio
per mezzo dei fratelli.
Resta con noi, Maria,
accanto al lavoratore
per allietarne la fatica;
vicino al sofferente
per sollevare le pene;
nel cuore dei giovani col riflesso
della tua purezza;
nello sguardo dei bimbi
con la gioia della tua innocenza.
Resta sempre con noi, o Maria,
perché non ci manchi mai Dio
nelle famiglie, nei cuori,
nella società,
così da trovarci uniti con te,
un giorno in Paradiso.
AMEN !

Gloria al Padre, …

domenica 25 agosto 2013

A SAN PELLEGRINO PER OTTENERE LA GUARIGIONE DAL TUMORE

San Pellegrino viene invocato per ottenere la guarigione dai tumori; tantissimi sono i fedeli che si rivolgono a lui ottenendo la grazia della definitiva guarigione. Questa preghiera è dedicata a tutte quelle persone sofferenti che sono state colpite da questa brutta malattia.  

San Pellegrino,
veniamo a te con fiducia,
perché tu interceda per N.,
-il nostro fratello o sorella-:
egli(essa è gravemente infermo/a).
Tu che sostasti orante presso la Croce
ed ora vivi nella luce perenne del cielo,
intercedi presso il Signore risorto
perché stenda su N.
la sua mano potente
e lo/la guarisca dalla malattia
che lo/la affligge.
Tu, servo fedele della Vergine santa,
intercedi presso il Signore della gloria,
perché liberando N.
dalla sofferenza che lo/la tormenta,
mostri la potenza del suo amore salvifico.
Tu, frate insonne nella supplica,
intercedi presso il Signore della vita,
perché, dileguate le tenebre della malattia,
N. gioisca nella luce
della recuperata salute
e corra a rendere grazie a Gesù Salvatore.
Ascolta, san Pellegrino,
la nostra preghiera: intercedi
-per il nostro amico infermo-
-per la nostra amica inferma-
come il Centurione per il suo servo,
come Marta e Maria per il fratello Lazzaro,
come la Vergine per gli sposi di Cana,
perché anche N. sperimenti
l'efficacia della tua protezione
sui poveri e gli ammalati.
A Dio, Padre, Figlio e Spirito,
la cui santità rifulge in te, Pellegrino
ogni onore e gloria nei secoli eterni.
Amen.

sabato 24 agosto 2013

CHIEDIAMO PERDONO A DIO

O Dio, Padre di Misericordia, mio Creatore e mio Signore, sono davanti a Te, con l'animo aperto. Riconosco di aver mancato, tante volte, contro di Te. Ti ho offeso. Ho tradito il tuo amore. Ho disubbidito alla tua volontà. Ho peccato in pensieri, in parole, in opere e in quello che ho tralasciato di fare. Riconosco la gravità dei miei peccati: essi sono come malattie nella vita della grazia e sono più gravi della paralisi, della lebbra, del cancro. Sono profondamente malato nello spirito. Mi pento sinceramente di tutti i peccati. Tu che leggi nel cuore li conosci e vedi anche il mio pentimento. Alla tua misericordia chiedo il perdono. Padre, perdonami

giovedì 22 agosto 2013

Canti Religiosi - Mi Rialzerai

TESTO DEL CANTO IN ITALIANO:
Se dentro me ho perso la speranza
E sento che certezze più non ho
Non temerò, ma aspetterò in silenzio
Perché io so che sei vicino a me

Mi rialzerai se non avrò più forze
Mi rialzerai, con Te ce la farò
Sarai con me, nel buio della notte
Mi rialzerai e in alto volerò

TESTO DEL CANTO IN INGLESE:
You Raise Me Up
When I am down and, oh my soul, so weary;
When troubles come and my heart burdened be;
Then, I am still and wait here in the silence,
Until you come and sit awhile with me

You raise me up, so I can stand on mountains;
You raise me up, to walk on stormy seas;
I am strong, when I am on your shoulders;
You raise me up To more than I can be

You raise me up, so I can stand on mountains;
You raise me up, to walk on stormy seas;
I am strong, when I am on your shoulders;
You raise me up To more than I can be

You raise me up, so I can stand on mountains;
You raise me up, to walk on stormy seas;
I am strong, when I am on your shoulders;
You raise me up To more than I can be

You raise me up, so I can stand on mountains;
You raise me up, to walk on stormy seas;
I am strong, when I am on your shoulders;
You raise me up To more than I can be

You raise me up To more than I can be

lunedì 19 agosto 2013

San Espedito

SANT’ESPEDITO: Patrono delle cause urgenti e disperate

Storia del Santo
Saint’Espedito, Capo detta Legione Ro­mana fulminante, contemporaneo a Santa Filomena, fu martirizzato nel IV sec­olo sotto Diocleziano, se se celebra a Festa il 19 Aprile, è invocato nelle cause disperate, od urgenti, spirituali e temporali. Mostra la Croce sulla quale sta scritto: Hodie (oggi) e schiaccia la testa ad un corvo che col suo gracchiare dice: Cras (domani) per insegnarci che non dobbiamo mai dubitare della Onnipotenza di Dio, né aspettare il domani per pregare con fiducia e fervore. E’ il Santo dell'undicesima ora, che non è mai invocato troppo tardi, sempre però come intercessore presso la Santissima Vergine.

Preghiera a Santo Espedito
Mio Santo Espedito delle cause giuste ed urgenti. Soccorrimi in questo momento di afflizione e disperazione. Intercedi per me presso il nostro Signore Gesù Cristo. Tu che sei il Santo degli afflitti, tu che sei un Santo Guerriero, tu che sei il Santo dei disperati, tu che sei il Santo delle cause urgenti. Proteggimi, aiutami, dammi forza, coraggio e serenità. Ascolta la mia richiesta (Fare la richiesta). Aiutami a superare questo momento difficile, proteggimi  di  tutti  coloro  che  possono danneggiarmi. Proteggi la mia famiglia, attendi la mia domanda con urgenza. Ridammi la pace e la tranquillità. Ti sarò grato fino alla fine della mia vita e porterò il tuo nome a tutti quelli che hanno fede. Grazie.

Orazione per la grazia ricevuta
Siate, nostro Dio, infinitamente ringraziato, perché per i meriti del nostro Signor Gesù Cristo, e ad intercessione del Santo Martire Espedito vi siete degnato accogliere le nostre umili preghiere, coll'accordarci benignamente la grazia che imploriamo dal trono della vostra misericordia. E voi, o Santo Martire Espedito, nostro speciale Avvocato e Protettore, siate mille volte benedetto. Deh! Proseguite a perorare presso Dio la causa della nostra temporale e spirituale salute, e rendeteci così facile e spedita la via per giungere al Monte dell'Eterna felicità. Così sia.



NOVENA A SAN ESPEDITO (da recitare per 9 giorni)

NOVENA PER CHIEDERE AIUTO PER PROBLEMI FINANZIARI.
Io invoco il potere e la presenza di San Espedito in questo momento di difficoltà finanziarie. Offro il mio corpo, cuore, mente e anima al vostro altare della luce. Io ho fede e fiducia e confido fermamente in te che sarai la mia forza in questo momento di bisogno. Vieni presto in mio soccorso. Portami ( ... dire cosa chiedete al santo ...). Questo mio bisogno finanziario e urgente. Sii la mia luce e guida in questa situazione così che io possa vivere in pace, amore, prosperità, abbondanza e nella grazia di Dio. Amen.

NOVENA PER QUALSIASI TIPO DI SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ
Nostro caro martire e protettore, San Espedito, Tu che sai ciò che è necessario e urgentemente agognato.Ti prego di intercedere davanti alla Santissima Trinità, che, per tua grazia la mia richiesta venga esaudita. (... dire cosa chiedete al santo ..). Possa io ricevere la vostra benedizione e i vostri favori.
Nel nome di Nostro Signore Gesù Cristo, Amen.

NOVENA PER UN AIUTO RAPIDO.
San Espedito, Tu che riposi in pace. A te mi rivolgo e chiedo che questa grazia mi venga concessa (... dire cosa chiedete al santo ..) Espedito questo è ciò che ti chiedo, in questo preciso momento. Non sprecare un altro giorno. Esaudisci ciò che ti chiedo. Conosco il tuo potere, ti conosco per via di ciò che concedi. So che puoi aiutarmi. So che puoi aiutarmi. Fallo per me e diffonderò il tuo nome con amore, onori in modo che sia invocato all'infinito. Espedito esaudisci questo desiderio con velocità, amore, onore e bontà. Gloria a te, Santo Espedito!

sabato 17 agosto 2013

Maria, Vergine del mattino, del meriggio, della sera, della notte

Maria, Vergine del mattino,
nel Tuo sguardo apro la mia giornata
densa di imprevisti, piena di provvidenze.
Donami il coraggio
di passi fermi e decisi sulla strada che è Gesù,
senza soste, senza sospiri,
con Te accanto.
Colma i miei occhi di stupore
per tutto ciò che mi accadrà di bene o di male,
di gioia o di sofferenza,
per cogliere in tutto i doni e i passi di Dio;
mai lamento o ribellione sporchino le mie labbra,
mai il peccato mi venga a turbare.

Maria, Vergine del meriggio
donami acqua viva sotto il sole che batte,
donami soste di riposo e non di sconforto,
pronto a riprendere il cammino verso il domani.
Sia il mio andare un audace cammino verso l’infinito.
Liberami dalla tentazione
di lasciare Dio alla porta delle mie scelte.
Rendimi coraggioso testimone di Resurrezione
in un mondo immerso di tenebre.
Sia ogni mio incontro, un incontro di cuore,
dove ogni persona è specchio del volto del Tuo Figlio
e ogni uomo in cui mi imbatto, mio fratello.
Sia io, samaritano di speranza con chi è nel bisogno.

Maria, Vergine della sera,
madre dell’ora dei rientri,
non tramonti il sole senza che io possa
essere in pace sulle ire delle umane debolezze
con la grazia del perdono.
Fammi dono di comunione di famiglia,
di dolci e teneri incontri di affetti.
Fammi gustare lo stare in famiglia
e, se per caso ne fossi orfano,
con Te e con Tuo Figlio voglio fare famiglia
per vincere la mia solitudine.

Maria, Vergine della notte,
illumina la notte della sofferenza,
del dolore e della solitudine.
Nel buio del mio Calvario
rimani accanto alla mia Croce.
Nella dolcezza e nella forza della Tua maternità,
illumina, per me, l’ora delle tenebre.
In pace io mi corico e mi addormento
perché Tu, sicuro, mi fai riposare.
Passa la notte in trepida veglia accanto a me, tuo figlio,
donami di attendere sereno,
in pace e senza peccato,
l’aurora del giorno senza tramonto,
perché viva ora il già e il non ancora.

giovedì 15 agosto 2013

Assunzione di Maria Vergine in cielo

Maria santissima assunta in cielo è segno di speranza e modello per tutta la Chiesa e per ogni cristiano. “Colei che nel parto aveva conservato illesa la sua verginità doveva anche conservare senza alcuna corruzione il suo corpo dopo la morte. Colei che aveva portato nel suo seno il creator fatto bambino, doveva abitare nei tabernacoli divini. Colei che fu data in sposa al Padre non poteva che trovar dimora nelle sedi celesti. Doveva contemplare il suo figlio nella gloria alla destra del Padre, lei che lo aveva visto sulla croce, lei che, preservata dal dolore quando lo diede alla luce, fu trapassata dalla spada del dolore quando lo vide morire. Era giusto che la madre di Dio possedesse ciò che appartiene al Figlio e che fosse onorata da tutte le creature come madre ed ancella di Dio”.

L'Immacolata Vergine, preservata immune da ogni colpa originale, finito il corso della sua vita, fu assunta alla celeste gloria in anima e corpo e dal Signore esaltata quale regina dell'universo, perché fosse più pienamente conforme al Figlio suo, Signore dei dominanti e vincitore del peccato e della morte.

PREGHIERA per l'ASSUNZIONE della B.V. MARIA
O Vergine Immacolata, Madre di Dio e Madre degli uomini,
noi crediamo nella tua assunzione in anima e corpo al cielo,
ove sei acclamata da tutti i cori degli angeli e da tutte le schiere dei santi.
E noi ad essi ci uniamo per lodare e benedire il Signore che ti ha esaltata sopra
tutte le creature e per offrirti l'anelito della nostra devozione e del nostro amore.
Noi confidiamo che i tuoi occhi misericordiosi si abbassino sulle nostre miserie
e sulle nostre sofferenze; che le tue labbra sorridano alle nostre gioie
e alle nostre vittorie; che tu senta la voce di Gesù ripeterti per ciascuno di noi:
Ecco tuo figlio. E noi ti invochiamo nostra madre e ti prendiamo, come Giovanni, per guida, forza e consolazione della nostra vita mortale. Noi crediamo che nella gloria, dove regni vestita di sole e coronata di stelle, sei la gioia e la letizia degli angeli e dei santi. E noi in questa terra, ove passiamo pellegrini, guardiamo verso di te, nostra speranza; attiraci con la soavità della tua voce per mostrarci un giorno, dopo il nostro esilio, Gesù, frutto benedetto del tuo seno, o clemente,
o pia, o dolce Vergine Maria.
Il 15 Agosto la Vergine Maria, madre di Cristo,
suo Figlio e nostro Signore,
è stata assunta nella gloria del cielo.
In lei, primizia e immagine della Chiesa,
hai rivelato il compimento del mistero di salvezza
e hai fatto risplendere per il tuo popolo, pellegrino sulla terra,
un segno di consolazione e di sicura speranza.
Tu non hai voluto che conoscesse la corruzione del sepolcro
colei che ha generato il Signore della vita.
E noi, uniti agli angeli e ai santi,
cantiamo con gioia l'inno della tua lode

lunedì 12 agosto 2013

Canti Religiosi: Tu sei la mia vita

TESTO DEL CANTO
Tu sei la mia vita, altro io non ho.
Tu sei la mia strada, la mia verità.
Nella tua parola io camminerò
finché avrò respiro, fino a quando tu vorrai.
Non avrò paura, sai, se tu sei con me:
io ti prego, resta con me.

Credo in te, Signore, nato da Maria:
Figlio eterno e santo, uomo come noi.
Morto per amore, vivo in mezzo a noi:
una sola cosa con il Padre e con i tuoi,
fino a quando - io lo so - tu ritornerai
per aprirci il regno di Dio.

Tu sei la mia forza: altro io non ho.
Tu sei la mia pace, la mia libertà.
Niente nella vita ci separerà:
so che la tua mano forte non mi lascerà.
so che da ogni male tu mi libererai
e nel tuo perdono vivrò.

Padre della vita, noi crediamo in te.
Figlio Salvatore, noi speriamo in te.
Spirito d'Amore, vieni in mezzo a noi:
tu da mille strade ci raduni in unità
e per mille strade, poi, dove tu vorrai,
noi saremo il seme di Dio.

venerdì 9 agosto 2013

Signore, cercaci

Signore, cercaci con il Tuo occhio buono,
con il Tuo sguardo amico,
con la Tua voce invitante.

Signore, cercaci quando noi non cerchiamo Te,
quando Ti abbiamo allontanato dal cuore,
quando fuggiamo la Tua parola,
anziché cercarla.

Signore, bussa alla nostra porta con dolce insistenza
quando inseguiamo cose vuote e vane,
quando beviamo a sorgenti di acqua inquinata.

Signore, cercaci nei giorni della gioia
perché la riconosciamo come un dono Tuo
e possiamo benedire di cuore il Tuo nome.

Signore, attendiamo da Te il dono della gioia
per continuare a sorridere alla vita,
per vedere i fiori che nascono sui sentieri
e per scoprire le sorgenti di felicità e di speranza.

Signore, attendiamo da Te il dono della speranza
per saper camminare anche nelle notti più buie,
per assaporare l’alba che ci riporta il bacio del sole,
per credere che Tu ci vieni incontro dal futuro.

Signore, attendiamo da Te la mano amica e forte
che ci guidi sui sentieri dell’amore solidale,
che ci spinga a seminare sulla roccia e a spargere nel vento,
che ci dia tanta voglia di costruire pezzi di felicità.

O Signore, Tu sei l’acqua fresca e dissetante del pozzo,
sei Tu l’acqua profonda che cura le nostre superficialità,
sei l’acqua nutriente che guarisce i nostri vuoti.
Non sia il nostro cuore un deserto arido e secco,
ma una terra irrigata e seminata a piena mani da Te.
Non sia una casa vuota in cui si insediano gli idoli,
ma un laboratorio di idee, di progetti, di propositi.

O Dio, che semini nel vento sempre nuovi germi di vita
e spingi l’umanità ad abbattere i muri della divisione,
fa’ che le nostre esistenze si mettano a servizio della pace

coltivando, vicino e lontano, la giustizia e la fraternità.

martedì 6 agosto 2013

Novena Assunzione di Maria (15 agosto)

(la novena va recitata tutta intera per nove giorni consecutivi, senza interruzione, dal 6 al 14 agosto in preparazione alla Solennità dell'Assunzione. Se possibile partecipare ogni giorno della novena alla Santa Messa)

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e degli uomini, noi crediamo con tutto il fervore della nostra fede nella tua Assunzione trionfale in anima e corpo al Cielo, dove sei acclamata Regina da tutti i cori degli Angeli e da tutte le schiere dei Santi; ad essi ci uniamo per lodare e benedire il Signore che Ti ha esaltata sopra tutte le creature e offrirti il nostro omaggio ed il nostro amore.
Ave Maria... O Maria assunta in Cielo in corpo ed anima, prega per noi.

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e degli uomini, noi sappiamo che il tuo sguardo, che maternamente accarezzava l'umanità umile e sofferente di Gesù in terra, si sazia ora in Cielo alla vista dell'umanità gloriosa della Sapienza increata, e che la letizia dell'anima tua, nel contemplare faccia a faccia l'adorabile Trinità, fa sussultare il tuo cuore di beatificante tenerezza; noi, poveri peccatori a cui il corpo appesantisce il volo dell'anima, Ti supplichiamo di purificare i nostri sensi, affinché apprendiamo fin da questa nostra vita terrena a gustare Iddio, Iddio solo, nell'incanto delle creature.
Ave Maria... O Maria assunta in Cielo in corpo ed anima, prega per noi. 

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e degli uomini, noi confidiamo che le tue pupille misericordiose si abbassino sulle nostre miserie e sulle nostre angosce, sulle nostre lotte e sulle nostre debolezze; che le tue labbra sorridano alle nostre gioie e alle nostre vittorie; che tu senta la voce di Gesù dirti di ognuno di noi, come già del suo discepolo amato: «Ecco il tuo figlio»; noi, che Ti invochiamo nostra Madre, Ti prendiamo come Giovanni, per guida, forza e consolazione della nostra vita mortale.
Ave Maria... O Maria assunta in Cielo in corpo ed anima, prega per noi.

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e degli uomini, noi abbiamo la vivificante certezza che i tuoi occhi, i quali hanno pianto sulla terra irrigata dal sangue di Gesù, si volgano ancora verso questo mondo in preda alle guerre, alle persecuzioni, all'oppressione dei giusti e dei deboli; noi, fra le tenebre di questa valle di lacrime, attendiamo dal tuo celeste lume e dalla tua dolce pietà, sollievo alle pene dei nostri cuori, alle prove della Chiesa e della nostra Patria.
Ave Maria... O Maria assunta in Cielo in corpo ed anima, prega per noi.

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e degli uomini, noi crediamo infine che nella gloria dove regni vestita di sole e coronata di stelle Tu sia, dopo Gesù, la gioia e la letizia di tutti gli Angeli e di tutti i Santi; da questa terra dove passiamo pellegrini, confortati dalla fede nella futura risurrezione, guardiamo verso di Te, nostra vita, nostra dolcezza, nostra speranza. Attiraci con la soavità della tua voce per mostrarci un giorno, dopo il nostro esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria. Amen.
Ave Maria... O Maria assunta in Cielo in corpo ed anima, prega per noi.
Salve, o Regina...

domenica 4 agosto 2013

GUARIGIONE DELLE MALATTIE EREDITARIE: FISICHE, MENTALI, PSICHICHE

Gesù, guariscici da tutte le malattie che sono giunte a noi attraverso la generazione. Guariscici dalle malattie fisiche: del cuore, del sangue, dei polmoni, dell'intestino, delle ossa, della vista e dell'udito, dai tumori e da ogni malattia strana, dalla frigidità e dalla sterilità, dall'impotenza e dalle malattie veneree. Guariscici da tutti i casi di malattie mentali che ci sono stati nella nostra storia familiare: forme di paranoia, schizofrenia, comportamenti depressivi e autodistruttivi. Guariscici da tutte le malattie psichiche: ansie, affanni, depressioni, insicurezze, paure, complessi, tristezze, pensieri di suicidio, tedio della vita, squilibri. Interrompi la trasmissione di tutte queste malattie. Togli queste tare ereditarie. Fa' che nella nostra generazione ci siano sempre salute fisica, integrità mentale, equilibrio emozionale, sane relazioni, bontà e amore per trasmettere questi tuoi doni alle generazioni successive. Gesù, guariscici da tutte le malattie ereditarie

venerdì 2 agosto 2013

L'Eucaristia ci conduce al servizio dei poveri

Le nostre vite sono intessute con Gesù nell'Eucaristia, e la fede e l'amore che promanano dall'Eucaristia ci rendono capaci di scorgerlo sotto le vesti misere dei poveri: perciò vi è un solo amore di Gesù, non essendovi che una sola persona nei poveri, quella di Gesù. Noi tocchiamo effettivamente il corpo di Cristo nei poveri. È il Cristo affamato che nutriamo in essi, il Cristo nudo che rivestiamo di indumenti, il Cristo senza tetto che ospitiamo. L'Ora Santa passata in adorazione davanti all'Eucaristia, conduce all'Ora Santa con i poveri. Per Gesù la fratellanza e l'adorazione sono due facce dell'unico tessuto divino che si chiama carità. Noi siamo inseriti su Gesù con vincoli organici e vitali, sicché comunichiamo con Lui proprio come le membra comunicano col capo. Questa realtà del Corpo Mistico è il cuore dell'intera vita cristiana. Gesù si fece egli stesso pane per soddisfare il nostro bisogno di lui, e si fece egli stesso affamato per consentirci di soddisfare il suo bisogno di noi. Quando andiamo a celebrare la Santa Eucaristia, ricordiamoci di rispettare la vita per la quale Gesù è morto. Gesù nell'Eucaristia è la vita che dobbiamo vivere, Gesù è il cammino che dobbiamo seguire, Gesù è la vita che dobbiamo dare. Preghiamo affinché possiamo vivere la vita che Dio ci ha dato perché siamo creati a vivere la vita di Dio. Per poter fare questo lavoro per i più poveri dei poveri abbiamo bisogno dell’Eucaristia, abbiamo bisogno del pane di vita. Non siamo assistenti sociali, siamo nel cuore del mondo, contemplativi. Il Signore, istituendo l’Eucaristia, ha voluto unirci fra noi non meno che a Lui: «Che siano una cosa sola, come noi lo siamo», dobbiamo ricevere l’amore del Cristo per viverlo, e non possiamo essere certi di averlo conosciuto, quest’amore, se non ci amiamo fra noi. C’è una sola prova che noi abbiamo assistito alla Messa con profitto: è che, uscendo, sentiamo ad amarci di più. (Madre Teresa di Calcutta)