Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

venerdì 21 dicembre 2012

SPECIALE SAN GIOVANNI BOSCO

La Storia della sua vita:
Giovannino Bosco nacque il 16 Agosto 1815 in una piccola frazione di Castelnuovo D'Asti, in Piemonte, chiamata popolarmente «i Becchi». Ancora bimbo, la morte del babbo gli fece sperimentare il dolore di tanti poveri orfanelli dei quali si farà padre amoroso. Trovò però nella mamma Margherita, un esempio di vita cristiana che incise profondamente nel suo animo. A nove anni ebbe un sogno profetico: gli parve di essere in mezzo a una moltitudine di fanciulli intenti a giocare, alcuni dei quali però, bestemmiavano. Subito, Giovannino si gettò sui bestemmiatori con pugni e calci per farli tacere; ma ecco farsi avanti un Personaggio che gli dice: «Non con le percosse, ma con la bontà e l'amore dovrai guadagnare questi tuoi amici... Io ti darò la Maestra sotto la cui guida puoi divenire sapiente, e senza la quale, ogni sapienza diviene stoltezza». Il personaggio era Gesù e la maestra Maria Santissima, alla cui guida si abbandonò per tutta la vita e che onorò col titolo di «Ausiliatrice dei cristiani». Fu così che Giovanni volle imparare a fare il saltimbanco, il prestigiatore, il cantore, il giocoliere, per poter attirare a se i compagni e tenerli lontani dal peccato. «Se stanno con me, diceva alla mamma, non parlano male». Volendosi far prete per dedicarsi tutto alla salvezza dei fanciulli, mentre di giorno lavorava, passava la notte sui libri, finché all'età di vent'anni potè entrare nel Seminario di Chieri ed essere ordinato Sacerdote a Torino nel 1841, a ventisei anni di età. In quei tempi Torino era ripiena di poveri ragazzi in cerca di lavoro, orfani o abbandonati, esposti a molti pericoli per l'anima e per il corpo. Don Bosco incominciò a radunarli la Domenica, ora in una Chiesa, ora in un prato, ora in una piazza per farli giocare ed istruire nel Catechismo finché, dopo cinque anni di enormi difficoltà, riuscì a stabilirsi nel rione periferico di Valdocco e aprire qui il suo primo Oratorio. In esso i ragazzi trovavano vitto e alloggio, studiavano o imparavano un mestiere, ma soprattutto imparavano ad amare il Signore: San Domenico Savio, era uno di loro. Don Bosco era amato dai suoi «brichini» (così Egli li chiamava) fino all'inverosimile. A chi gli domandava il segreto di tanto ascendente rispondeva: «Con la bontà e l'amore cerco di guadagnare al Signore questi miei amici». Per essi sacrificò tutto quel poco denaro che possedeva, il suo tempo, il suo ingegno che aveva fervidissimo, la sua salute. Per essi si fece santo. Per essi ancora fondò la Congregazione Salesiana, formata da sacerdoti e laici che vogliono continuare l'opera sua e alla quale diede come «scopo principale di sostenere l'autorità del Papa» (Memorie Biografiche, VII, 622; X, 762 e 946). Volendo estendere il suo apostolato anche alle fanciulle fondò, con Santa Maria Domenica Mazzarello, la Congregazione della Figlie di Maria Ausiliatrice, che oggi è diffusa in tutto il mondo. Dedicò tutto il suo tempo libero, che spesso sottrasse al sonno, per scrivere e divulgare facili opuscoli per l'istruzione cristiana del popolo. Stremato di forze per l'incessante lavoro, si ammalò gravemente. Particolare commovente: molti giovani offrirono per lui al Signore la propria vita. Una delle ultime sue raccomandazioni fu questa: «Dite ai giovani che li aspetto tutti in Paradiso...». Spirava il 31 gennaio 1888, nella sua povera cameretta di Valdocco, all'età di 72 anni. Il 1 aprile 1934, Pio XI, che ebbe la fortuna di conoscerlo personalmente, lo proclamò Santo.


IL SANTO DEI GIOVANI:
Prete simpatico e fattivo, bonario e popolano, all’occorrenza atleta e giocoliere, ma anche  prete straordinario, che aveva già un discreto alone di venerazione perché aveva in sé qualcosa di singolare da parte del Signore: sapeva i segreti delle coscienze,  e portava a sentire i problemi dell’anima e della salvezza eterna. Ancora più conosciuto per la sua predilezione per i giovani, dei quali soleva dire: “Non basta amarli è necessario che essi sentano di essere amati” Ed i suoi pensieri ultimi furono proprio per i giovani: “Amate il vostro prossimo con il sorriso, la gioia e l’allegria, come ho fatto con voi…”  Ed il più famoso: “Dite ai miei ragazzi che li aspetto tutti in paradiso” “Era sempre attento a tutto quello che accadeva intorno a lui, e tuttavia si potrebbe dire che non si preoccupava di nulla, che i suoi pensieri fossero altrove. E infatti era proprio così, era altrove. Era con Dio.”
VIDEO SULLA STORIA DI DON BOSCO
LE FRASI PIÙ CELEBRI DI DON BOSCO
-Se vuoi farti buono, pratica queste tre cose e tutto andrà bene: allegria, studio, preghiera. E' questo il grande programma per vivere felice, e fare molto bene all'anima tua e agli altri.-Il migliore consiglio è di fare bene quanto possiamo e poi non aspettarci la ricompensa dal mondo ma da Dio solo.-Ricordatevi, che ogni cristiano è tenuto di mostrarsi propositivo verso il prossimo, e che nessuna predica è più vera del buon esempio. -Quando si tratta di qualche cosa che riguarda la grande causa del bene, don Bosco vuol essere sempre all'avanguardia del progresso. -Non mandate a domani il bene che potete fare oggi, perché forse domani non avrete più tempo -È una vera festa per don Bosco il poter prendere cura delle anime dei suoi giovani-Aspetto tutti i miei giovani in Paradiso

ORAZIONE PER OTTENERE QUALCHE GRAZIA
Bisognoso di particolare aiuto, a Voi ricorro con grande fiducia, o glorioso Don Bosco. Mi occorrono grazie spirituali per fuggire sempre il peccato e perseverare nel bene fino alla morte. Ma mi occorrono anche grazie temporati e specialmente... (si nomina la grazia che maggiormente si desidera).
Voi che foste così devoto di Gesù Sacramentato e di Maria Ausiliatrice, e così compassionevole delle umane sventure, ottenetemi da Gesù e dalla sua Celeste Madre la grazia che Vi domando e una grande rassegnazione al volere di Dio. Pater, Ave, Gloria.

UNO DEI PIÙ NOTI CANTI DI DON BOSCO 


LA TECA CHE CONTIENE IL CORPO DEL SANTO
A 150 anni dalla fondazione della Congregazione Salesiana, è partito un pellegrinaggio che porterà le reliquie di Don Bosco nei 130 paesi in cui operano i Salesiani nel mondo. La prima tappa, a Roma, il 1 maggio, ha coinciso con il cinquantesimo della consacrazione della chiesa di don Bosco a Cinecittà. L’insigne reliquia rimarrà nel Lazio per due mesi per poi attraversare l’Oceano e giungere in Cile e in Argentina per un viaggio di oltre due anni.



PREGHIERA A DON BOSCO
Padre e Maestro
O Padre e Maestro della gioventù,
San Giovanni Bosco,
che, docile ai doni dello Spirito,
hai trasmesso alla Famiglia Salesiana il tesoro
della tua predilezione per i piccoli e i poveri,
Insegnaci a divenire ogni giorno per loro
segni e portatori dell'amore di Dio,
coltivando nell'animo
i medesimi sentimenti di Cristo Buon Pastore.
Chiedi per tutti i membri della tua Famiglia
un cuore buono,
la tenacia nel lavoro,
la saggezza nel discernere,
il coraggio di testimoniare, il senso di Chiesa,
la generosità missionaria.
Ottienici la grazia
della fedeltà alla speciale Alleanza
che il Signore ha sancito con noi e fa' che, guidati da Maria,
percorriamo lietamente con i giovani
la via che conduce all'Amore. Amen.


5 commenti:

  1. I'm gone to convey my little brother, that he should also go to see this webpage on regular basis to take updated from newest gossip.
    Feel free to surf my site - comclub7.com

    RispondiElimina
  2. PREGO SAN GIOVANNI BOSCO, PER RAFFAELLA, CHE LA PROTEGGA SEMPRE, PER TUTTA LA VITA. AMEN

    RispondiElimina
  3. Don Bosco proteggi mia figlia, aiutala in questo momento particolare. Amen grazie

    RispondiElimina
  4. Ti affido la mia vita e tutte le persecuzioni la mia liberazione tutti i miei interessi il lavoro che non ho.
    La mia salute la scuola l'ultimo anno che dovrei conseguire e non riesco .
    I lavori che dovrei svolgere a casa mia di ristrutturazione e tutte le cose più semplici che non riesco più a fare .ti affido la successione della mia famiglia . Ti affido un terreno che mio padre ha comprato tanti anni fa economica e mai riuscito a vendere o costruire per via di vincoli o di nodi che solo Maria può sciogliere.

    RispondiElimina
  5. Ti affido la mia vita e tutte le persecuzioni la mia liberazione tutti i miei interessi il lavoro che non ho.
    La mia salute la scuola l'ultimo anno che dovrei conseguire e non riesco .
    I lavori che dovrei svolgere a casa mia di ristrutturazione e tutte le cose più semplici che non riesco più a fare .ti affido la successione della mia famiglia . Ti affido un terreno che mio padre ha comprato tanti anni fa e mai riuscito a vendere o costruire per via di vincoli o di nodi che solo Maria può sciogliere.

    RispondiElimina

Lascia commento, una frase, un parere, una riflessione a questo articolo. Scrivi ciò che pensi ...