Parla con la Vergine

Parla con la Vergine
Chiedete, lasciate un messaggio, una preghiera, un racconto. Scrivi qui la tua preghiera da lasciare ai piedi della Madonnina

martedì 5 giugno 2012

PERCHÉ LA MADONNA APPARE?


La crisi del mondo d'oggi sta nell'incredulità verso Dio e nella conflittualità tra gli uomini. L'incredulità è una malattia ed una debolezza, ma, come sappiamo dal Vangelo (Me 6, 5) ha pure un'enorme forza: quella di impedire all'amore di Dio di agire in noi.
Questa nostra crisi non dipende, quindi, dall'essere venuta meno la Misericordia di Dio o la Sua Onnipo­tenza. Dipende tutta dalla durezza del nostro cuore che si va chiudendo a Dio. Per salvarci, il nostro amatissimo Padre celeste deve riuscire ad aprire i nostri cuori e deve ottenerlo dalla nostra libertà.
Maria è figlia della nostra umanità, donna tra le donne. Ma, a differenza di tutti noi, non soltanto è stata preservata nel concepimento e nella vita da ogni pecca­to, ma ha saputo, anche a nome nostro, offrire a Dio quel cuore aperto che sa dire e sa vivere, senza mai venir meno, quelle parole che furono in Lei, prima che nel Cuore umano di Gesù: «Ecco la serva del Signore: mi avvenga secondo la tua parola» (Le 1, 38).
Ella, nel dirle, riconosce la grazia di Dio a Lei concessa. Ma Dio, nel sentirle, le riconosce merito della sua umana liber­tà. A Lei ha dato il potere di generare negli uomini la vita, che, quelle parole, vissute, danno. Perciò Maria è Madre della Divina Grazia, Madre della Chiesa, Madre dei cristiani, Madre degli uomini e Madre dei peccato­ri, e lo è per lo stesso "sì" per cui è Madre di Dio. Lei ha il potere di comunicarci il suo vissuto, la sua aper­tura, la sua beatitudine.
Gesù stesso la riconobbe in chiunque vive la volontà di Dio (Me 3, 33-35). In più, Ella ha vinto Satana. In Lei l'efficienza dell'Angelo ribelle non fu accolta. Lei e la Chiesa generata da Lei, hanno la saggezza, la libertà e la potenza necessaria per calpestare la testa del serpente, e di farlo totalmente e sempre. Dinanzi a Lei Satana deve recedere come vinto ed è costretto ad abbandonare l'uomo che, avendolo reso vincitore, gli si è sottomesso, consegnandosi schia­vo.
Se è vero che Satana non ha altra forza contro l'uo­mo che quella che l'uomo stesso gli dà, al sopraggiun­gere di Maria soffre la debolezza del non aver potuto nulla possedere in Lei, neppure un atto di rabbia con­tro Dio o di rifiuto dell'uomo, mentre Gesù era in croce. Maria in Gesù è Ella stessa quel "più forte" che può sopraffare il forte, che ci tiene in ostaggio (Me 3, 27). Lei stessa disse che veniva perché stiamo vivendo il secolo di prova, in cui Satana tenta di distruggere la Chiesa e il mondo. Ma non vi riuscirà perché la vitto­ria è di Dio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia commento, una frase, un parere, una riflessione a questo articolo. Scrivi ciò che pensi ...